Baravalle Vini

Programma enologico

Avvalendosi della collaborazione di tecnici agrari e di enologi appartenenti ad un qualificato studio (certificato UNI EN ISO 9002), l’Azienda Agricola Baravalle rivolge una particolare attenzione alle tecniche agronomiche (scelta della densità d’impianto, dei portainnesti e cloni, delle concimazioni, delle potature, della gestione del suolo, dei trattamenti antiparassitari) ed alle tecniche di vinificazione, affinamento ed invecchiamento del vino.

Al fine di ridurre la quantità dei trattamenti e le loro intensità, l’Azienda Agricola Baravalle ha aderito prima al programma della legge CEE 2078/92 e poi a quello della successiva legge CEE 1257/99; queste impegnano l’azienda a gestire la difesa contro le fitopatologie nonché i piani di concimazione, limitando il numero di interventi per anno ed utilizzando prodotti naturali o di sintesi, a bassa tossicità e minimo impatto ambientale.

I vigneti, tutti su terreno collinare, ad un’altitudine compresa tra i 200 e i 500 metri, presentano una densità d’impianto pari a circa 4000 piante/ettaro.
L’allevamento è a spalliera con potatura a Gujot corto (8-10 gemme per ceppo). L’interfilare è mantenuto inerbito per evitare l’erosione del suolo, prevenirne il costipamento, migliorarne la portanza e la struttura, aumentare la complessità dell’agrosistema.
L’uva, giunta a piena maturazione, viene vendemmiata manualmente in cassette, e pressata sofficemente, utilizzando una nuova pigiadiraspatrice, entro quattro ore dalla sua raccolta.
I mosti ottenuti, fermentati a temperatura controllata, sono poi filtrati ed invecchiati secondo tecniche differenziate ma ottimali per ciascuna tipologia di vino, tecniche esemplificate nelle singole schede di presentazione dei vini.


prog-enologico


Gallery

 

storia-g1

storia-g2

storia-g3

storia-g4

storia-g5

storia-g6

storia-g7

storia-g8

storia-g9